Fufu: cos’è e come si prepara la polenta africana di cui tutti parlano!

Ricetta-Fufu-polenta-africana

Il fufu (o foufou o foutou) è un contorno tipico ghanese, che viene solitamente preparato come accompagnamento a piatti sugosi e saporiti e per questo detto anche “polenta africana“.
Consiste in cibi ricchi di amido, come la manioca o il platano, che vengono bolliti e lavorati con un mortaio o un pestello, al fine di ottenere un impasto liscio, morbido e un po’ gommoso da mangiare rigorosamente con una mano insieme a stufati, salse o zuppe come quella d’okra (preparata con il gombo) o quella di arachidi.
Ogni paese africano ha, poi, il suo piatto principale con cui gustare il fufu!

Un detto in Ghana dice: “A man has not eaten a day unless he has eaten fufu". 

È un piatto tradizionale ghanese conosciuto dal XVI secolo e diffusosi in tutta l’Africa occidentale e centrale, diventato famoso in tutto il mondo grazie a TikTok e all’hashtag spopolato sui social: #fufuchallenge.

Esistono molte versioni per cucinarlo, qui trovi la più semplice che abbiamo raccolto per te.

Come preparare il fufu nella maniera più tradizonale, partendo da alimenti freschi:

Taglia a pezzi una manioca e una banana sbucciate, mettile a bollire in un pentolino con dell’acqua (abbastanza da coprirle) fin quando sia la manioca che la banana risultano ben cotte (facilmente trapassabili con una forchetta). Scolale, mettile in un mixer, aggiungi un pizzico di sale e frulla fino ad ottenere un composto omogeneo.

Trasferisci l’impasto in un piatto-fondina con dell’acqua calda sul fondo: con una mano bagnata d’acqua impasta il composto, con l’altra usa un pestello per colpirlo al centro fin quando il fufu non risulta liscio e omogeneo. 

Nel video seguente trovi la ricetta del fufu ghanese preparato invece con l’apposita farina!

Ecco la ricetta del fufu tradotta che trovi nel video:

Scalda dell’acqua in un pentolino e, quando bolle, aggiungi la farina per fufu.
Inizia a mescolare con un cucchiaio di legno fin quando il composto non diventa omogeneo e colloso.
A questo punto puoi continuare a lavorare l’impasto nel pentolino col cucchiaio o trasferirlo su un piatto e, con le mani bagnate, lavoralo come nel video!